Vai al contenuto

Miscellaneous News

NOTIZIE VARIE

Dicembre 2019 - MILANO, Italia.
Gian Nicola Vessia è morto il 23 dicembre 2019. Musicista-compositore, raffinato scrittore e critico musicale. Parallelamente agli studi di letteratura italiana all’Università Cattolica di Milano, la sua formazione musicale, prediletta sin da bambino sotto la guida don Luciano Migliavacca (per 41 anni direttore della Cappella del Duomo di Milano). Da qui la sua dedizione alla musica sacra coltivata agli ultimi giorni della sua vita.

Dicembre 2019 - Italia - Concerto di Natale a sostegno di SAVE THE CHILDREN.
In occasione del Centenario di SAVE THE CHILDREN (1919-2019) il concertista internazionale Sergio Militello ha offerto uno speciale recital di beneficenza giovedì 26 dicembre 2019 alle ore 17 nella splendida cornice della Basilica di S.Giovanni Battista in Finale Ligure (SV), uno degli edifici sacri più grandi e più belli della riviera ligure. Le offerte raccolte sono state interamente devolute ai progetti per l’infanzia di SAVE THE CHILDREN in Italia e nel mondo. Si tratta di un evento musicale unico organizzato per soccorrere le situazioni di estrema gravità in cui si trovano moltissimi bambini nel mondo. Sergio Militello, oggi uno dei massimi interpreti-improvvisatori al mondo, ha offerto uno straordinario concerto pianistico eseguendo le più suggestive melodie natalizie. INFO: https://www.savethechildren.it/blog-notizie/eventi/concerto-di-natale.

Aprile 2019 - ROMA, Italia. Gino Stefani è morto a Roma il 7 aprile scorso.
Nato a Samarate (VA) nel 1929, è stato musicista e musicologo, docente universitario e pedagogo, innovatore della pratica terapeutica (“globalità dei linguaggi”). Ha avuto un ruolo importante anche nell’avvio della Riforma liturgica post-conciliare nell’ambito musicale, con una vita ricca di studi importanti e di solide iniziative nel campo musicale, conosciuto e vissuto con larghezza di intenti e con orizzonti aperti. L’orientamento centrale delle sue ricerche è stata la domanda sul “senso” dell’azione musicale, dando valore all’esperienza fattiva del far musica. Sensibile ai temi e ai problemi posti dalle nuove esigenze del canto e della musica, intesi come elementi integrati nella partecipazione celebrativa. Fu in particolare attivo e presente ai primi tempi del rinnovamento, con contributi di pensiero (L’espressione vocale e musicale nella liturgia, Torino-Leumann, 1967) e come pioniere di un nuovo modo di comporre testi di canti in italiano (ricordiamo, fra gli altri: Noi canteremo gloria a te; Quanta sete nel mio cuore; Venite, fedeli; Io credo: risorgerò).